Nostalgia degli anni ’60-’70

  • Noi, che le nostre mamme mica ci hanno visti con l’ecografia.
  • Noi, che a scuola ci andavamo da soli e da soli tornavamo.
  • Noi, che la scuola durava fino alla mezza e poi andavamo a casa per il pranzo con tutta la famiglia (si, anche con papà).
  • Noi, che eravamo tutti buoni compagni di classe, ma se c’era qualche bullo, ci pensava il maestro a sistemarlo sul serio.
  • Noi, che se a scuola la maestra ti dava un ceffone, mamma a casa te ne dava DUE.
  • Noi, che se a scuola la maestra ti metteva una nota sul diario, a casa era il terrore.
  • Noi, che quando a scuola c’era l’ora di ginnastica partivamo da casa in tuta, tutti felici.
  • Noi, che la gita annuale era un evento speciale e nelle foto delle gite facevamo le corna ed eravamo sempre sorridenti.
  • Noi, che le ricerche le facevamo in biblioteca, mica su internet.
  • Noi, che la vita di quartiere era piacevole e serena.
  • Noi, che andare al mare nei sedili posteriori della 850 di papà o nella 1100 di nonno era una passeggiata speciale.
  • Noi, che avevamo 4 mesi di vacanza, da Giugno a Settembre.
  • Noi, che non avevamo videogiochi, né registratori, né computer. ma avevamo tanti amici lo stesso.
  • Noi, che per cambiare canale alla TV dovevamo alzarci e i canali erano solo 2.
  • Noi, che andavamo a letto dopo Carosello.
  • Noi, che se la notte ti svegliavi e accendevi la TV vedevi solo il monoscopio Rai con le nuvole o le pecorelle di interruzione delle trasmissioni.
  • Noi, che i pattini avevano 4 ruote e si allungavano quando il piede cresceva.
  • Noi, che chi lasciava la scia più lunga nella frenata con la bici era il più fico e che se anche andavi in strada non era così pericoloso.
  • Noi, che dopo la prima partita c’era la rivincita, e poi la bella, e poi la bella della bella.
  • Noi, che avevamo il nascondiglio segreto’ con il ‘passaggio segreto’.
  • Noi, che giocavamo a nomi-cose-animali-città.
  • Noi, che ci divertivamo anche facendo Strega-comanda-colori
  • Noi, che compravamo dal fornaio pizza bianca e mortadella  e non andavamo dal dietologo per problemi di sovrappeso, perché stavamo sempre in giro a giocare.
  • Noi, che non avevamo cellulari (c’erano le cabine SIP per telefonare) e nessuno poteva rintracciarci, ma tanto eravamo sicuri anche per strada.
  • Noi, che giocavamo a pallone in mezzo alla strada con l’unico obbligo di rientrare prima del tramonto.
  • Noi, che trascorrevamo ore a costruirci carretti per lanciarci poi senza freni, finendo inevitabilmente in fossi e cespugli.
  • Noi, che ci sbucciavamo il ginocchio, ci mettevamo il mercurio cromo, e più era rosso più eri fico.
  • Noi, che giocavamo con sassi e legni, palline e carte.
  • Noi, che c’era la Polaroid e aspettavi che si vedesse la foto
  • Noi, che il 1° Novembre era ‘Ognissanti’, mica Halloween.
  • Noi, che l’unica merendina era il pane spalmato con lo zucchero.
  • Noi, che ci emozionavamo per un bacio su una guancia.
  • Noi, che siamo ancora qui e certe cose le abbiamo dimenticate e sorridiamo quando ce le ricordiamo.
  • Noi, che alcuni studenti non erano brillanti come altri e quando perdevano un anno lo ripetevano. nessuno andava dallo psicologo, dallo psicopedagogo nessuno soffriva di dislessia né di problemi di attenzione né di iperattività; semplicemente ripeteva ed aveva una seconda opportunità.
  • Noi, che avevamo libertà, fallimenti, successi, responsabilità ed imparavamo a gestirli. La grande domanda è: come abbiamo fatto a sopravvivere? e, ad essere le persone che siamo ora ?
  • Noi, che non avevamo chiusure di sicurezza per i bambini nelle confezioni dei medicinali, nei bagni, alle porte.
  • Noi, che quando andavamo in bicicletta non portavamo il casco.
  • Noi, che  ci tagliavamo, ci rompevamo un osso, perdevamo un dente, ma non c’era alcuna denuncia per questi incidenti. La colpa non era di nessuno se non di noi stessi.

Pero’…….vi ricordate tutte queste cose???

Ora siamo genitori….di questo dovremmo parlare……analizzando punto per punto anche se il tempo è trascorso…nessuno è morto nel frattempo……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *